Lo sputo  

 homepage   webmaster   chi siamo   contatto   site map   

21.02.2014 / 5.05.2015    



krxh

Lo sputo nel futuro

di Pierluigi Peruzzi


Credetemi, si tratta di una storia vera, riportata da un visitatore del tempo.


Ci sarà una volta - nell'anno 2217 - un nuovo tipo di astronave, che dovrà essere collaudata.

Il collaudo avverrà poco più al di fuori del sistema solare. Si tratterrà di collaudare soltanto tutti i nuovi sistemi e la nuova tecnica, prima ancora di poter iniziare la produzione di serie. Non sarà un granché di battello spaziale. Solo 300 metri di lunghezza e 150 di larghezza, ma sarà di grande utilità alla flotta commerciale.

Durante il collaudo verrà provato proprio tutto. Ma comunque qualcosa ci sarà in ogni caso da criticare.





A. Lo sputo

Piero Rossi era addetto ai collaudi della porta stagna centrale. John Smith era il suo assistente. Così provarono proprio tutto.

Piero: "Per favore John, apri la porta stagna mantenendo l'aria dentro la cambusa mediante i nuovi schermi energetici."
John: "Ne hai del fegato, dannazione. Guarda che non abbiamo le tute spaziali addosso!."
Piero: "A parte gli schermi energetici, la porta stagna dovrebbe richiudere immediatamente non appena fuoriescono erroneamente alcuni atomi d'aria."
John: "Vabbé. Tanto il sistema della porta stagna non è cambiato per niente. Solo lo schermo energetico è totalmente nuovo. Sei pronto?"
Piero: "Sì dai. Vai vai."

John azionò ora l'apertura forzata della porta stagna verso l'esterno. Tutto funzionava a meraviglia. I due si recarono fino al telaio del portone, presso lo schermo energetico. Si vedevano brillare chiaramente le stelle della Via Lattea attraverso l'invisibile schermo energetico che impediva il fuoriuscire dell'aria. Ma soltanto dell'aria, tutto il resto doveva poter fuoriuscire ed entrare.

John: "Ora che facciamo? Mica possiamo uscire senza tuta spaziale?"
Piero: "Non importa. Basta buttare al di fuori qualche cosa, facendola passare dallo schermo e si vede immediatamente se tutto è a posto."
John: "Ma è altamente vietato buttare della roba nel bel mezzo delle vie spaziali. Basta una vite di metallo per danneggiare gravemente un'astronave in corsa."
Piero: "Una vite no. È di metallo. Ma ho un'idea."

Così Piero fece un bello sputo in direzione dello schermo energetico e questo riuscì a passare immediatamente attraverso di esso, fuoriuscendo dall'astronave. Dopo una bella risata e costatando che tutto funzionava come doveva i due richiusero la porta stagna che dava verso l'esterno.

Lo sputo stesso però, gelava e si frantumava in moltissimi pezzetti di ghiaccio che ora navigavano per conto proprio attraverso lo spazio. Roba da pochi milligrammi per pezzetto.

B. 400 anni più tardi

Tra gli esseri umani della Terra ed il popolo dei Krxh del sistema di Sirio non c'era buon sangue. Ci si odiava reciprocamente.

Ma purtroppo il brodo primordiale alla Darwiniana aveva sviluppato nel sistema di Sirio esseri completamente differenti da quelli del sistema solare.

Il popolo dei Krxh era composto da 3 sessi. Avevano un solo grande occhio ed uno schifoso orecchio accanto alla bocca. Il tutto però in cima alla testa. Pertanto il loro esofago iniziava in cima alla testa e passava attraverso il loro cervello. Gli Krxh ritenevano i terrestri tutti omosessuali, dato che avevano solo 2 sessi. Ma ai terrestri faceva schifo la bocca in cima alla testa accanto a quel lurido orecchio. E poi tutto quel grugnito ad ogni passo che facevano era insopportabile. Per non parlare della puzza che emanavano.

A loro invece faceva schifo che l'embrione degli esseri umani nascesse nella pancia di un essere umano, invece che in un uovo collocato in uno sterile cestino.

Insomma, era difficile capirsi e cosi le scaramucce tra le differenti astronavi da guerra erano quotidiane.

Infine, dopo numerose battaglie interstellari che duravano da oltre 100 anni e dopo tutti quei morti inutili da ambo le parti si decise di fare la pace.

C. L'arrivo del Gran Grugnitore

Avrebbe dovuto essere un giorno di festa per i terrestri. Con l'arrivo nel sistema solare del Gran Grugnitore del popolo dei Krxh si sarebbe potuto finalmente festeggiare la pace.

La grande astronave ammiraglia dei Krxh era già balzalta oltre la 4 dimensione e stava per rientrare nella 3 dimensione proprio davanti al sistema solare. A bordo c'era il GG, come i terrestri usavano chiamare il Gran Grugnitore, c'erano anche molti alti esponenti del popolo dei Krxh. Era un astronave corazzata di 5 km di lunghezza e 30'000 Krxh di equipaggio.

Ma qualcosa non funzionò come dovette. Una volta rientrata nella 3 dimensione ed ancora lanciata al 99% di velocità della luce, gli schermi di protezione dell'ammiraglia dei Krxh si azionarono con 1 milionesimo di secondo di ritardo.

Ma proprio in quel momento la facciata corazzata della grandissima astronave base andava a sbattere in un piccolissimo frammento di sputo ghiacciato di un solo milligrammo di peso. La reazione fisica fu immediata. Un milligrammo di materia andava a sbattere con la velocità della luce nell'acciaio della corazzata.

Gli atomi dello sputo si frantumavano insieme ad un'uguale quantità di atomi dell'acciaio. 2 milligrammi di materia si tramutavano così in pura energia. Non fu nient'altro che un'esplosione atomica dentro la corazza d'acciaio dell'ammiraglia. Mentre tutta la facciata andava in frantumi, pure i generatori di fusione degli schermi, oramai al massimo, esplodevano perché non trovavano più ne il loro consumatore e neanche più il computer che li regolava. La corazzata si frantumava così in milioni di pezzettini e tutto l'equipaggio, insieme al GG, morì istantaneamente.

Le 2 piccole astronavi di scorta tentarono di salvare ciò che era possibile, ma non c'era niente da fare. Così cercarono la causa e guarda caso che con i loro sofisticati rivelatori trovarono pezzettini di ghiaccio nello spazio. Con la prova del DNA umano, che conoscevano bene dopo tantissime guerre, poterono constatare che si trattava di escrementi orali umani. Così fecero dietro front e tornarono immediatamente a casa.

Sulla Terra invece circolava la voce che l'ammiraglia del GG era stata fatta fuori da uno sputo. Nelle registrazioni dei computer governativi si poté persino costatare che si trattava dello sputo di Piero Rossi e che questo sputo era stato fatto 400 anni fa.

Ma su Sirio esplodeva oramai l'odio e la rabbia. Il loro amatissimo Gran Grugnitore era stato "sputato via". Che schifo, e inoltre si trattava di una faccenda assolutamente sdegnosa.

Così entro un paio di mesi si formava una grandissima flotta di 30'000 astronavi da guerra che balzarono direttamente dentro il sistema solare. Dopo una battaglia dove gli Krxh persero quasi il 90% della flotta, tutti i pianeti del sistema solare, incluso la Terra, venivano polverizzati.

La reazione delle colonie terrestri fu immediata. Pure loro entravano così in guerra e devastavano il sistema di Sirio distruggendo pure loro tutti i pianeti. La guerra durò ancora 20 anni. Poi non rimase quasi più niente del popolo dei Krxh e degli esseri umani.



D. La Fine

Così la Federazione galattica degli altri esseri intelligenti decise di eliminare i restanti esseri umani ed il popolo dei Krxh.

Solo pochissime coppie degli esseri umani venivano ora esposte negli zoo degli altri esseri intelligenti e sopra le loro gabbie si poteva leggere: "Homo Sapiens" Essere semi-intelligente, altamente pericoloso. Vietato cibare.

Il senso di questa storia: Non sputate a vanvera!



Copyright © 2014.02 Pierluigi Peruzzi
site map   |   feedbacks